lunedì 29 aprile 2013

Cestini formaggiosi con asparagi alla Bismarck (o quasi)



Rieccomi finalmente!!!!
Dopo la laurea, dopo il lavoro, dopo il frigo rotto, dopo internet non funzionante, dopo i maiali volanti finalmente sono riuscita a dedicare qualche momento al gattino briachino!!!
Oggi, nel mio primo giorno libero da TUTTO, ho voluto provare a fare un esperimento, una rivisitazione di forma degli asparagi alla Bismarck (dedicati alla mia tesi in storia). Soddisfattissima del risultato vi presento:

I cestini formaggiosi con ripieno di asparagi e ovetto!!




Ingredienti per 1 cestino: 2 cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato, 5 asparagi abbastanza ciccioni, un uovo, una fetta di prosciutto crudo, una manciata di rucola o altra insalata per guarnire, sale.


Mettere a lessare gli asparagi in abbondante acqua (se avete tempo cuoceteli in padella con un pochino di brodo vegetale che vengono più buoni). 
Nel frattempo preparare i cestini di parmigiano, riscaldate quindi una padella antiaderente e metteteci dentro una cucchiaiata di parmigiano grattato in modo da formare un cerchio, quando inizia a dorarsi togliere la sfoglia di formaggio e aiutandosi con un bicchiere o con una tazza formare il cestino. Posizionarlo nel piatto sopra un letto di qualcosa di verde (io ho usato della rucola).

Quando gli asparagi sono cotti tagliarli a rondelline finchè sono morbidi e posizionarli nel cestino.
Sempre in una padella antiaderente scottare il prosciutto tagliato a striscioline finchè non diventa croccante.

Friggere un uovo con un filo d'olio, togliere quindi la parte bianca e posizionare il tuorlo sopra agli asparagi.
Decorare con il prosciutto.

PS: mi scuso per non aver messo nemmeno una foto del procedimento, ma non credendo mi venissero bellini non pensavo di pubblicarli XD



4 commenti:

  1. Bella ricetta e bella presentazione....

    RispondiElimina
  2. ciao, bello il piatto e la presentazione... se passi da me c'è un premio per te.... :D

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta! Da provare! :-)

    RispondiElimina
  4. Complimenti, per la ricetta e per la laurea!!

    RispondiElimina