domenica 30 dicembre 2012

Game of thrones: Cipolle in gravy


"Ben Stark laughed. - As I feares. Ah, well. I believe I was younger than you the first time I got truly and sincerely drank. - He snagged a roasted onion, dripping brown with gravy, from a nearby trencher and bit into it. It crunched." A GAME OF THRONES


Il condimento o sugo, per come lo intendiamo noi oggi è diverso da quell'antica pratica secondo cui veniva usato il sugo creato dalla cottura di alcune carni per insaporire altri piatti, come ad esempio i contorni. In questa ricetta  viene rielaborato con le cipolle, per creare così un contorno vero e proprio. E' consigliabile abbinare questa ricetta con pane o formaggi e carne arrosto. (citazione dal libro)


Ingredienti per 2 persone: 5 cipolle; un cucchiaino di miele; 1 cucchiaio di burro non salato; 1 cucchiaino di rosmarino o timo; una spruzzata di sidro di mele; 1 cucchiaio di farina, 1 tazza di brodo di carne di manzo; 1 spruzzata di brandy.



Pulire e pelare le cipolle. Tagliare le cipolle in quarti (il libro ne lascia alcune intere ma io le taglio tutte perchè mi piace che siano cotte bene). Far scaldare il miele in una padella a fuoco medio insieme ai quarti di cipolla, al rosmarino e al burro. Mescolare bene per assicurarsi che le cipolle vengano ben ricoperte dal burro e dal miele e cuocere per circa 8 minuti (o comunque fino a che le cipolle non siano dorate). Mescolare spesso e fare attenzione che non si attacchino. 




Aggiungere il brodo e farlo ritirare un pochino.
Aggiungere il sidro e il brandy, non tutto insieme ma a seconda di quanto ne serve.
Spolverare la farina e mescolare bene (la farina renderà il sughino più compatto). A questo punto lasciar cuocere a fuoco medio basso fino a che non si ritira e raggiunge la compattezza desiderata. Se serve aggiungere un po' di brodo. Salare, pepare e servire.





ATTENZIONE!!!!!
Per fogarvi di più, cliccando sul simbolo sottostante, verrete reindirizzati ad una musica d'accompagnamento da usare durante la preparazione del piatto.






Nessun commento:

Posta un commento